Archivio febbraio 2010

Quando Apple crea un computer gli dà qualcosa in più rispetto agli altri: un nome. E credetemi fa una bella differenza possedere un MacBook Pro rispetto a dm3-1100.

(altro…)

Ehi, oggi è il compleanno di Zio Steve! Tanti auguri!

Ok, questo l’avranno già scritto in molti, immagino. Quello che invece posso dire solo io, è che finalmente è pronta per voi la beta del nuovo servizio macaco:

Il Macaco Answers

(altro…)

Naturalmente i singoli operatori possono sempre bloccare il voip over 3G, ma speriamo che sia un segno che qualcosa si muove. Sempre che non sia cancellata a breve. 😀

Titolo banale per festeggiare questa gradita ricorrenza: esattamente un anno fa iniziavo l’avventura, solo soletto, di questo nuovo blog macaco, che ha visto poi il veloce aggregarsi di tante persone stupende come tutti gli autori che hanno transitato, o si sono fermati, su queste pagine.

Non amo molto le feste, perciò dico solo che ringrazio prima di tutto loro, i miei amici bloggers, e anche i nostri venti affezionati lettori che ogni giorno tengono vive le classifiche di Google Analytics. 😀

(altro…)

Qualche giorno fa, complice S.Valentino, ho acquistato un inconsueto accessorio per iPod: hi-Sleep di hi-Fun.

(altro…)

Newton OS 2.1 emulato con Einstein.

NOTA: Questo è un articolo pilota. Se ne volete sapere di più sul NewtonOS cercate in google o su Wikipedia dove c’è un’ampia letteratura in merito così come avviene per tutti i sistemi operativi Apple e non solo. Ho quindi deciso di lasciare ad altri il compito di descrivere con le parole queste opere dell’ingegno umano. Se la cosa piacerà continuerò con altri OS.


(altro…)

Ho da qualche tempo intrapreso una strada comune a molti, che farà storcere il naso ad alcuni ma che sento importante. No, non mi riferisco né al cambio di sesso, né a passare a Windows, malelingue! 😛

La strada è quella delle alternative, nello specifico le alternative ad Adobe. Come sapete, pur occupandomi sporadicamente di grafica e di siti, non sono né un grafico né un webdesigner (e questo vorrei che fosse anche chiaro a quelli che scrivono gli annunci di lavoro e vai a fare un colloquio per fare video editing, e ti chiedono se sai usare Flash o Maya…).

Ho sempre usato con relativa soddisfazione, per le piccole cose che so fare, i programmi principali della Creative Suite, in particolare Photoshop, DreamWeaver, InDesign e Illustrator, oltre ovviamente ad After Effects che però lascerei fuori da questo discorso, perchè usandolo professionalmente, e pur odiandolo, non posso certo sostituirlo con altri software.

Per ora la strada percorsa mi ha portato ad eliminare con molto piacere i primi due programmi dell’elenco. (altro…)

Forse sono l’ultimo a notarlo, ma vedo con piacere che finalmente anche la versione ufficiale di Google Chrome per Mac comprende il supporto alle estensioni. Posso passare stabilmente da Chromium a Chrome. 😀

Noto anche, sfortunatamente, che i problemi tra Chrome e WordPress, lungi da essere risolti, sono addirittura aumentati, ma confido che prima o poi Google, tra un buzz e l’altro, li risolva. 😉

Nel frattempo, c’è sempre la nostra “roccia” Safari a salvarci. 😀

Baldacchino trovato ad una fiera

Ovviamente ci starebbe bene una bella analisi delle strategie di marketing di Apple e di Microsoft; ma, dato che  si tratta di un semplice articolo canzonatorio, come commento lascio solo un ironico “senza parole…”. 😀

Anche se a chi mi conosce bene sembrerà strano, non ho detto io questa frase; o meglio non la dissi io quel giorno mentre stavo lavorando con Visio ed ero con…ma forse è meglio che racconti tutto dall’inizio.

C’era una volta un giovane e bello (mah) consulente informatico che sedeva sulla comoda poltrona in pelle di casa sua e davanti al suo fedele destriero…ehm, MacBook Pro volevo dire, tracciava un Network Diagram con Visio. Ok lo so: qualcuno di voi storcerà il naso, ma putroppo Visio è l’unico programma che permette di fare BENE quei maledetti schemi e per usarlo sono costretto a virtualizzarmi Windows con VMware. Mentre maledivo i signori Gates e Ballmer per aver prodotto un sistema operativo così schifoso e intanto cercavo di finire in fretta questo bellissimo lavoro, arriva V.
(altro…)

Il Macaco usa la Forza di WordPress. Template originale d Nofie Iman, ormai pesantemente modificato da Daniele Savi. Il logo nella testata è di Simone Basso.
Il Macaco è pubblicato sotto licenza Creative Commons.