Ho avuto varie esperienze con alcuni servizi di assistenza, e fino ad ora l’unica che mi aveva veramente stupito per efficienza, qualità e velocità era stata quella Microsoft per XBOX 360. Ho avuto a che fare con loro due volte, e in entrambe mi hanno stupito.

Questo fino a quando non ho dovuto contattare Apple Care per il mio nuovo iPhone 4. Già, appena arrivato, mi sono accorto che la fotocamera frontale si bloccava. In seguito mi sono reso conto che non solo si bloccava la fotocamera prima citata, ma faceva bloccare anche l’applicazione per le fotografie nativa. A questo punto non ho potuto fare altro che contattare l’assistenza Apple. Tutto il servizio, a partire dalla voce guida, è molto preciso ed efficiente. Mi hanno immediatamente chiesto il seriale dell’iPhone e con quello mi hanno dato tutte le informazioni necessarie. Mi hanno chiesto di spiegare il problema in ogni suo particolare e dopo essersi assicurati che non poteva essere possibile sistemarlo a distanza, mi hanno prenotato il ritiro tramite il corriere UPS, subito notificato con una e-mail. Beh, mi ero già arreso all’idea di attendere almeno 2 settimane per riaverlo, ed invece…

3 gennaio: ritiro

4 gennaio: arrivo in assistenza, controllo e sostituzione.

C’è stata la befana di mezzo e quindi l’iPhone è arrivato il 7 invece del 6 previsto. Ovviamente tutto notificato tramite e-mail e tracciabile tramite il sito dedicato all’assistenza.

Insomma, Apple si farà anche pagare, ma tutto vale ogni centesimo speso, a partire dall’Hardware, al Software, all’Assistenza.


tags: ,

Gen
1211

iBoh #014

danosavi   iboh Un commento

Torna dopo tanto tempo l’amico iBoh, che non è d’accordo sull’ultima trovata di Google. Non prendetevela con me, ambasciator non porta pena! 😀


tags: , , ,

Come tutti i bravi macachi, appena giunta la notifica mi sono catapultato ad aggiornare Snow Leopard per scaricare il nuovo Mac App Store.

Alcuni pensieri a caso, senza presunzione di analisi seria.

Primo: la sensazione che ho avuto è stata subito quella di App Store su iOS. Come ho probabilmente già scritto, adoro “esplorare” la Rete in cerca di novità, anche solo per conoscerle, senza comprarle (soprattutto in periodi come questo di scarsa disponibilità). In questo App Store aiuta, ed è piacevole ravanare tra le varie categorie in cerca di nuove possibilità o vecchie conoscenze.

Secondo: è verissimo, App Store non è il primo “negozio” di applicazioni. Qualcuno giustamente cita Linux (anche se lì i programmi nei package manager sono gratuiti), altri Bodega. E’ banale dire, ma lo dico lo stesso, che la differenza sta nell’effetto vetrina: App Store sarà su tutti i Mac, o quasi, e la gente lo userà più facilmente di alternative di terze parti. Sembra un po’ un discorso monopolistico, e in parte c’è questo fattore, ma se il risultato sarà anche solo ripetere una parte del successo di App Store per iOS, tutti i mac-user ne beneficeranno. Non solo avere un comodo “catalogo” delle applicazioni note, ma portare nuovi sviluppatori a interessarsi alla nostra piattaforma.
Leggi il resto »


tags: ,

Gen
711

Serie TV e Apple

Matteo Spada   Mac, Mele 9 commenti

Le serie TV e i film sono la mia passione, non per vantarmi ma negli ultimi due anni ho visto più di 200 film (okey lo ammetto, mi voglio vantare).

Vedere che Mamma Apple si sforza, e ci riesce molto bene, ad essere presente se non in tutte ma in stragrande maggioranza dei miei serial preferiti, mi riempie il cuore di gioia. Ecco dei piccoli esempi:
Leggi il resto »


tags: , , ,

Gen
511

MacBook e Ubuntu

Matteo Spada   ilMondo, Mac 4 commenti

Diamo il benvenuto all’amico Nicolò che ci oggi racconta le sue esperienze “trasversali” tra macachi e pinguini. 😀

Leggendo il titolo dell’articolo starete pensando “Ma che diavolo sta dicendo?”. Beh, oggi voglio parlarvi della mia esperienza “Linuxiana” sul mio MacBook White 13″.
Leggi il resto »


tags: , ,

Torna dopo tanto tempo questa rubrica per segnalare una cosa a mio parere incredibile appena giunta davanti ai miei occhioni macachi.

Vorrei fare i complimenti più sinceri a Istituti Clinici di Perfezionamento per aver incluso insieme al referto di un esame dei miei genitori, invece delle classiche radiografie stampate, un paio di cd con le scansioni delle stesse ad alta risoluzione.

Piccolissimo particolare il cd si presentava in questo modo:

Leggi il resto »


tags: , , , , ,

Idee, notizie e discussioni interessanti pescate sul Macaco Social.

delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)



Idee, notizie e discussioni interessanti pescate sul Macaco Social.

delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)



Idee, notizie e discussioni interessanti pescate sul Macaco Social.

delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)
delicious (feed #3)



Nov
2210

In questi giorni ho osservato affranto l’affiorare di un grosso problema per il mio vecchio amico iPhone 3G: inserendo qualsiasi tipo di cuffia nel jack audio superiore, il segnale in uscita risultava distorto, mancante di molte frequenze: come con quei filtri “karaoke” presenti in alcuni software e stereo, per intenderci.

Disperato, e pensando a un problema di contatti rovinati, ossidati, o cos’altro, non avevo sinceramente considerato la soluzione più semplice, suggeritami dall’amico Aldo.

Ebbene sì, ravanando attentamente con uno stuzzicadenti nel profondo foro, ne ho ricavato un bel po’ di lanugine, molto utile in questi primi freddi invernali. 😀

E vissero felici e con tanta buona musica. 😛


tags: , , , , , ,

Il Macaco usa la Forza di WordPress. Template originale d Nofie Iman, ormai pesantemente modificato da Daniele Savi. Il logo nella testata è di Simone Basso.

Il Macaco è pubblicato sotto licenza Creative Commons.